08:36 GMT   IPSNotizie in Facebook IPSNotizie in Twitter IPSNotizie in RSS
Stampa
Alleanza delle Civiltà, una necessità e una sfida
Pavol Stracancsky

VIENNA, mar, 2013 (IPS) - Il quinto forum globale dell’Alleanza delle Civiltà delle Nazioni Unite (UNAOC), fondato con lo scopo di promuovere la comprensione e il dialogo interculturale per avvicinare i popoli, si è da poco concluso a Vienna, dove i leader mondiali hanno riconfermato la loro adesione agli ideali dell’Alleanza, impegnandosi a costruire su fondamenta già poste per espandere la propria azione.

   
   ENGLISH
IPS Inter Press Service Agenzia Stampa
   ESPAÑOL
IPS Inter Press Service Agenzia Stampa
   FRANÇAIS
IPS Inter Press Service Agenzia Stampa
   ARABIC
IPS Inter Press Service Agenzia Stampa
   DEUTSCH
IPS Inter Press Service Agenzia Stampa
   ITALIANO
IPS Inter Press Service Agenzia Stampa
   NEDERLANDS
IPS Inter Press Service Agenzia Stampa
   PORTUGUÊS
IPS Inter Press Service Agenzia Stampa
   SUOMI
IPS Inter Press Service Agenzia Stampa
   SVENSKA
IPS Inter Press Service Agenzia Stampa
   SWAHILI
IPS Inter Press Service Agenzia Stampa
   TÜRKÇE
IPS Inter Press Service Agenzia Stampa
IPSNotizie  in RSS / XMLSeguici su FacebookSeguici su Twitter
IPS Inter Press Service Agenzia Stampa
Ma nei dibattiti sono anche state evidenziate le sfide e le minacce al multiculturalismo e alla diversità in un mondo con livelli crescenti di intolleranza ed estremismo, e la necessità che l’Alleanza, insieme a governi, media, società civile e grandi imprese, lavori per superare queste sfide.

Il nuovo Alto Rappresentante della UNAOC, Nassir Abdulaziz Al-Nasser, ha parlato con l’IPS dell’Alleanza e degli obiettivi fissati durante il suo mandato, che durerà cinque anni.

D: Nell’incontro di apertura ha parlato dei principali traguardi che si è posto alla guida dell’Alleanza. Crede che si riusciranno ad attuare cambiamenti reali, significativi e concreti?

R: Il ruolo che ho assunto è molto impegnativo, e nonostante io abbia già ricoperto diversi incarichi di responsabilità in passato, questo è di fondamentale importanza. Il mio predecessore, il Presidente Jorge Sampaio, ha svolto un lavoro eccellente. Adesso vorrei dare un ulteriore impulso alle iniziative dell’Alleanza, e ho già delle buone idee. In fondo si tratta di convincere gli stati, la società civile, il mondo accademico, il settore privato e le organizzazioni internazionali ad attuare collettivamente quanto concordato sia qui a Vienna che nei precedenti incontri.

D: Molti grandi media non hanno neanche parlato del forum. Significa che ignorano gli ideali dell’Alleanza? E in questo caso, l’Alleanza dovrà trovare altri modi per trasmettere il proprio messaggio?

R: I media sono molto importanti per l’Alleanza, sono tra i nostri punti chiave. Ma alcuni paesi si sono occupati dei temi trattati nell’incontro. Io vengo dal Qatar, e lì i giornali hanno seguito attentamente il forum. Da tutti i discorsi tenuti in occasione del vertice, dal Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon, dal Presidente austriaco Heinz Fischer, da me e da altri alti rappresentanti degli stati, è emerso che il ruolo dell’Alleanza è in crescita, non in calo.

D: L’incontro si è incentrato molto sul ruolo dell’istruzione nell’affrontare i pregiudizi, in particolare nelle scuole. L’Alleanza pensa di collaborare con i governi nazionali sulle programmazioni scolastiche, per cominciare ad introdurre i suoi principi sin dai primi anni di educazione?

R: L’Alleanza lavorerà molto da vicino con l’UNESCO. Ci sono molte iniziative a livello mondiale in questo senso, come quella lanciata lo scorso settembre dal Segretario Generale dell’Onu: tra le altre “Education First” (l’istruzione prima di tutto). L’educazione è uno dei pilastri dell’azione dell’Alleanza, e lavoreremo intensamente con tutte le agenzie dell’Onu a livello nazionale, regionale e sub-regionale.

D: Tra i punti chiave dell’incontro, l’intolleranza e l’estremismo religioso, e il fatto che vengano normalmente associati ai musulmani, mentre si tratta di atteggiamenti fortemente diffusi tra i cristiani e gli altri gruppi religiosi. Questo ha contribuito ad alimentare la percezione negativa nei confronti dei musulmani. Crede che l’Alleanza possa avere un ruolo nel correggere questi pregiudizi?

R: L’Alleanza è al servizio della comunità internazionale, non di un solo paese o di una sola religione, e crede nell’idea di “una umanità, diverse culture”. Farò del mio meglio per promuovere il dialogo e la pace tra le culture, oltre che l’impegno con la società civile, dato che molte di queste organizzazioni sono di stampo religioso, e dobbiamo ascotarle per capire come creare pace tra le culture e unire i popoli attraverso il dialogo. Dobbiamo creare armonia invece di divisione, e ridurre intolleranza e odio. Il mio compito sarà arduo e farò del mio meglio per mettere in atto quanto già concordato in questo incontro e nei precedenti.(FINE/2013)

Diritti riservati. Articolo liberamente consultabile.
Se siete interessati alla pubblicazione, scrivete a: fbuffo@ips.org 

 

News in RSS
 Africa Remains Resolute Heading to COP 24
 Is There a Remittance Trap?
 Africa Must Increase Spending on Health Care, Education & Modern Contraception
 Romania's Prime Minister visits ADNOC
 Breaking Taboos: Teaching Migrant Communities about HIV/AIDS Prevention in Mauritania
MORE >>
News in RSS
 Miedo en Brasil ante retorno de militares, esta vez por los votos
 Derrota humillante de EEUU a manos de Palestina al frente del G77
 Cooperación suiza en Cuba apoya y comparte buenas prácticas
 Migración rural, una oportunidad más que un desafío
 Estudiantes adoptan modelos verdes contra la pobreza energética
MORE >>
 

Contattaci - Missione - Chi Siamo - Copyright © 2018 IPS-Inter Press Service.

 

IpsNotizie